PARMA ED IL MUSEO DEL PROSCIUTTO

Destinazione: Italia

Tipo Vacanza: Partenze di Gruppo

DATA DI PARTENZA : SABATO 11 MAGGIO 2019

Periodo: Maggio 2019

La Nostra Proposta

SABATO 11 MAGGIO PARMA & IL MUSEO DEL PROSCIUTTO

 

Ritrovo dei partecipanti al Teatro Giovanni da Udine alle ore 7.00 e partenza in direzione Parma. Sosta lungo il percorso. Arrivo a Parma verso le 10.30 e incontro con la guida.

 

La guida ci accompagnerà  alla scoperta della città, dove passeggiando per il suo centro ammireremo Piazza Garibaldi, l’imponenza dal Palazzo della Pilotta, che ospitava la corte dei Farnese e che oggi è il simbolo della città, il Teatro Regio che ospita la stagione Verdiana. Il giro dei borghi e delle vie del Centro terminerà nella splendida Piazza del Duomo con la visita alla Cattedrale, meravigliosa testimonianza di stile romanico all’esterno e di stile rinascimentale al suo interno.

Tempo libero per il pranzo. Al primo pomeriggio partenza in pullman direzione  museo.

Il Museo del Prosciutto e dei salumi parmigiani, ha la sua sede a Langhirano, patria d’elezione del Prosciutto di Parma, nella vasta struttura dell’ex Foro Boario.

L’area oggi occupata dal Foro Boario, situata fra il centro storico di Langhirano e il torrente Parma, è il risultato di un intervento urbanistico dei primi decenni del Novecento, finalizzato alla regimentazione dell’alveo del torrente Parma e alla costruzione del muro di difesa dell’abitato. Venne così a liberarsi una vasta area tangente al torrente, destinata ad essere bonificata e urbanizzata con la costruzione di diversi edifici e servizi pubblici. Risalgono a questa epoca le importanti realizzazioni del Macello, del Foro Boario e degli edifici attigui, del campo sportivo con le annesse tribune e del ponte che unisce Langhirano con il comune di Lesignano.

In una terra fertile, delimitata a Nord dal Po e a Sud dall’Appennino, e compresa tra le valli dell’Enza e dello Stirone, fin dai tempi più remoti si sviluppò l’allevamento dei suini, favorito dalle vaste estensioni boscose e dalla presenza delle querce, e con queste, delle ghiande. Branchi di maiali pascolavano in vaste aree boschive e le popolazioni di origine celtica, qui stanziate, misero a punto le “tecnologie” necessarie all’impiego delle loro carni e alla loro conservazione, anche grazie alle sorgenti e ai pozzi di acqua salata di Salsomaggiore e Rivalta.

Ancora una volta le caratteristiche del territorio giocarono un ruolo fondamentale ed è qui che oggi sorge il Museo del Prosciutto di Parma: a Langhirano, che del prosciutto è la capitale riconosciuta, nel complesso integralmente restaurato dell’ex Foro Boario, splendida architettura rurale dei primi del Novecento, storicamente destinata alla contrattazione del bestiame.

Organizzato in otto sezioni, il percorso di visita al Museo inizia dal territorio, con la descrizione dell’agricoltura parmense, per poi passare alla sezione dedicata alle razze suine, alla loro diffusione nei vari continenti e alle varietà utilizzate per la produzione del Prosciutto di Parma.

La ricca sezione dedicata al sale racconta la storia di questo importantissimo strumento di conservazione degli alimenti, che grazie ai pozzi presenti sul territorio, favorì nel tempo lo sviluppo dell’arte salumiera. Vi è esposta una raccolta di sali provenienti da tutto il mondo e un raro filmato sulla estrazione del sale dai pozzi di Salsomaggiore.

La quarta sala è dedicata alla norcineria e raccoglie, oltre a numerosi documenti storici sull’attività della macellazione dei suini nei secoli, un ampio campionario di antichi oggetti impiegati da generazioni di norcini per la lavorazione delle carni. Le restanti sezioni presentano gli altri salumi tipici del territorio parmense, approfondiscono il tema della gastronomia e dell’impiego del prosciutto in cucina, narrano, anche attraverso testimonianze in video, le tecniche di lavorazione del prosciutto e la struttura di un prosciuttificio, presentano infine l’attività del Consorzio del Prosciutto di Parma, che garantisce la qualità di questo straordinario prodotto noto e apprezzato in tutto il mondo.

Conclude idealmente la visita l’assaggio FACOLTATIVO  alla Prosciutteria del Museo e al negozio dei prodotti d’eccellenza del territorio.

                                                                                                                           QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 75 A PERSONA

La quota comprende: bus GT, accompagnatrice agenzia, visita guidata del centro storico di Parma, ingresso e visita guidata del Museo del Prosciutto.

La quota non comprende : pasti, bevande, assicurazione annullamento facoltativa, extra in generale.

 

Riduzioni: RIDUZIONE BAMBINI SU RICHIESTA

Richiesta Informazioni